Mansioni superiori e differenze retributive

Generalmente i contratti di assunzione specificano – o dovrebbero farlo – le mansioni a cui il lavoratore o la lavoratrice saranno adibiti dall’azienda datrice di lavoro nel corso del rapporto professionale.

Nel concetto di mansioni, in concreto, ricade l’insieme dei compiti e delle specifiche attività che il prestatore di lavoro deve eseguire nell’ambito del rapporto di lavoro. Per la loro individuazione, si tiene usualmente conto delle indicazioni contenute nei CCNL, i quali indicano le mansioni corrispondenti a ciascun livello e qualifica individuati per ogni categoria di contrattazione.

L’art. 2103 del codice civile, come novellato dall’art. 13 dello Statuto dei Lavoratori e dal Jobs Act, prescrive che il lavoratore deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto ovvero a mansioni equivalenti alle ultime effettivamente svolte.

Accade talvolta, tuttavia, che il lavoratore, pur continuando a percepire la retribuzione prevista in relazione alle mansioni per le quali era stato assunto, venga assegnato a svolgere mansioni relative ad un inquadramento superiore, a cui in teoria dovrebbe corrispondere una retribuzione maggiore.

Il potere di adibire il lavoratore a compiere attività diverse da quelle pattuite rientra nel cosiddetto ius variandi, ovvero il potere del datore di lavoro di modificare le mansioni del lavoratore oltre l’ambito convenuto, nel rispetto della legge, dei contratti collettivi e del principio generale di buona fede, nell’esercizio dell’attività di impresa, che a volte richiede necessariamente elasticità e flessibilità.

Tale potere trova un limite ed una necessità di contemperamento con il principio sancito dall’art. 36 della Costituzione italiana, secondo il quale il lavoratore ha diritto ad una retribuzione dignitosa e proporzionata alla qualità e quantità del suo lavoro.

Ma quando il lavoratore, se adibito a mansioni superiori, ha diritto a vedersi riconoscere la differenza retributiva e contributiva relativa alla qualifica corrispondente alle mansioni effettivamente svolte?

Innanzitutto, deve essere chiarito che ricorre l’assegnazione a mansioni superiori quando al lavoratore è richiesto dal datore di lavoro di svolgere in via esclusiva o prevalente mansioni riconducibili ad un livello di inquadramento superiore a quello cui sono riconducibili le mansioni originariamente assegnate.

Inoltre, sempre a norma dell’art. 2103 codice civile, comma 7, l’assegnazione a mansioni superiori del lavoratore non deve avere avuto luogo per ragioni sostitutive di altro lavoratore in servizio e deve essere avvenuta per sei mesi continuativi.

Dal punto di vista processuale, l’onere della prova incombe sul lavoratore. Per vedere riconosciuta la propria domanda, quindi, quest’ultimo dovrà fornire dimostrazione rigorosa non solo di aver svolto effettivamente le mansioni relative ad inquadramento superiore, ma anche di averlo fatto per almeno sei mesi continuativi ed in maniera esclusiva o comunque prevalente, rispetto alle mansioni originarie.

Ciò potrà essere fatto attraverso la prova per testi, oppure attraverso la prova documentale costituita dalle istruzioni e dai compiti eventualmente impartiti dal datore di lavoro attraverso emails, messaggi, relazioni di servizio riportanti le mansioni specifiche del lavoratore, ricordando che nel rito del lavoro tutti i mezzi di prova ed i documenti devono essere dedotti e prodotti, a pena di decadenza, con il ricorso introduttivo. Di fondamentale importanza sarà anche la quantificazione, a mezzo di conteggi o a mezzo di consulenza tecnica, delle differenze retributive e contributive che il lavoratore chiede in pagamento, nonché l’indicazione e la produzione in giudizio del CCNL di riferimento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...